menu

Articolo

Allarme freddo: sempre più frequenti i disturbi di cervicale

pubblicato in Assistenza, progetti by

Il gelo è arrivato e purtroppo non da solo. Ha portato con sé fastidiosi e terribili infiammazioni e reumatismi.

Il fastidio più frequente che il freddo e l‘umidità risvegliano, è la cervicale. Tale dolore al collo, alla nuca e alle spalle, coinvolge sempre un numero maggiore di persone. Per la precisione, ne soffrono ben sei italiani su dieci, circa quindici milioni di connazionali.

Una vera e propria malattia sociale che colpisce indipendentemente uomini e donne. E in molti di questi casi il fastidio e il dolore possono essere così importanti da incidere sulla qualità della vita” sottolinea Paolo Cherubino, presidente della SIOT.

cervicale-sintomi-e-cause-2Ma che cosa è la cervicale?
Il dolore cervicale è un male complesso che può interessare le ossa, i nervi i muscoli e gli altri tessuti che si trovano nel tratto delle prime sette vertebre. Solitamente la cervicalgia (termine medico che comprende i vari fastidi dovuti alla cervicale) è un fastidio muscolo-scheletrico che può durare mesi, nei casi peggiori anche anni fino a diventare cronico.

Le cause della cervicale sono molteplici:

  • Cattiva postura
  • Poca attività fisica e vita sedentaria
  • Freddo e umidità
  • Sbalzi di temperatura
  • Stress e tensioni emotive
  • Fattori traumatici e sforzi eccessivi

 

Per quanto riguarda i sintomi, il paziente affetto da cervicale avverte la sensazione di avere la testa “ovattata”, soprattutto nei cambi di postura (passaggi tra il letto e la posizione eretta), oltre a un senso di sbandamento con giramento di testa.

I sintomi più frequenti che possono essere innescati da tale infiammazione sono:

  • Stanchezza
  • Sonnolenza
  • Dolore al petto
  • Tachicardia
  • Ansia
  • Disturbi alla vista e all’udito
  • Torcicollo
  • Intorpidimento degli arti
  • Crampi e dolori addominali
  • Crisi di panico generalizzate
  • Bocca secca
  • Vertigini e Capogiri
  • Vomito e nausea nelle donne incintedolori_cervicali_cervicale_cause_sintomi

Prevenire la cervicale in stato non cronico è possibile. Ecco alcuni piccoli suggerimenti da seguire:
Evitare di tenere i capelli bagnati durante i mesi invernali: l’umidità è terribile per le ossa e le articolazioni anche in età non avanzata. Tenere i capelli umidi durante i mesi freddi rappresenta un fattore in grado di causare problemi di cervicalgia ( suggerimento è quindi di non dimenticare l’asciugacapelli, anche se si ha poco tempo.
Evitare colpi di freddo: il freddo improvviso può causare problemi al collo. Per mettere in campo un’adeguata prevenzione può essere utile coprire il collo nei mesi freddi, per esempio con una sciarpa o un foulard.
Evitare di portare pesi per lunghi tratti: prevenire questo fastidioso problema significa anche evitare di portare pesi per lunghi tratti, scegliendo per esempio di utilizzare la macchina o i mezzi pubblici quando si fa la spesa e si torna a casa con tanti sacchetti.
Una sana alimentazione può risultare una efficace soluzione per la cervicale. Per prevenire i dolori cervicali bisogna seguire una dieta caratterizzata da un alto consumo di vitamina D e omega 3, assunti per esempio attraverso alimenti come il salmone e il tonno.

Altre metodologie per curare la cervicale non in uno stato grave, possono essere l’uso di oli essenziali come rosmarino e lavanda, impacchi di fiori di fieno, infusi di rosa canina, ribes nero e cuscinetti imbottiti con semi di ciliegie o chicchi di riso. Quando la cervicale è acuta, tali rimedi naturali non recano alcun giovamento e risultano essere inefficaci.

Allora come è possibile curare i dolori cervicali quando sono allo stato cronico? Resta sintonizzato sul nostro sito, a breve ti sveleremo la soluzione.

http://www.sanitelgroup.it/

 

10 Gen, 17

 

articoli relazionati

 

 

ultimi commenti

Ci sono 0 commenti. su "Allarme freddo: sempre più frequenti i disturbi di cervicale"

 

pubblica un commento

Chiama Ora
Portami Qui