menu

Articolo

Self Help Campania: un aiuto per chi aiuta

pubblicato in progetti by

Occuparsi di un parente in difficoltà è una missione, qualcosa che nasce dal profondo del cuore e si trasforma, giorno dopo giorno, in un ruolo di importanza fondamentale all’interno della famiglia. Il “caregiver”, termine preso in prestito dall’Inghilterra ma ormai entrato a far parte dei nostri vocabolari, è “colui che si prende cura” di un proprio familiare, ammalato o disabile che sia, offrendo sostegno e assistenza.

Noi di Sanitel sappiamo che ogni malato è diverso, così come vari sono i contesti in cui operano i caregiver. Per questo motivo uno dei progetti di cui Sanitel è più orgogliosa è proprio il progetto Self Help Campania (www.selfhelpcampania.it), che intende essere luogo di incontro e di confronto su questi temi.

Promosso e approvato dalla Regione Campania con D. D. n. n. 355 del 12/09/2011 e D.D. n. 510 del 11/06/2012, Selfhelpcampania ha come finalità quella di offrire a tutti i soggetti che operano nel progetto assistenziale di persone in situazioni di fragilità un aiuto stabile e continuo. Le iniziative realizzate sono tutte rivolte alle persone affette da malattie cronico-degenerative dell’anziano ad elevato indice di compromissione funzionale.

Un sito ricco non solo di utili consigli e informazioni per affrontare al meglio il percorso di assistenza al malato, ma anche un portale di approfondimento verticale chiaro e semplice da usare. In più, sono presenti una serie di servizi di sostegno alla domiciliarità per non lasciare isolato chi si occupa dell’ammalato.

Il progetto Selfhelpcampania ha come obiettivo quello di realizzare una rete di collegamenti affinché si sviluppino processi di sostegno dal basso, cioè dagli stessi utenti, indirizzati agli operatori, prevalentemente non istituzionali, che operano a sostegno del soggetto fragile.

Gli strumenti per raggiungere tale obiettivo sono:

  • Il Portale Selfhelp, rivolto a tutti gli utenti per consentire uno scambio di informazioni, sviluppando così forte senso partecipativo.
  • Gruppi di mutuo-aiuto coadiuvati da esperti del settore, volti ad offrire un sostegno concreto alle famiglie dei pazienti.
  • Sostegno materiale fornito da operatori volontari per:
    • Servizi di compagnia agli anziani in difficoltà;
    • Accompagnamento per disbrigo pratiche;
    • Acquisto medicinali;
    • Spesa;
    • Comprensione e solidarietà;
  • Sensibilizzazione a tutte le tematiche connesse alle patologie neurodegenerative attraverso momenti di incontro e produzione di materiale informativo sia cartaceo che informatico.

Infine, numeri utili, centri convenzionati, un forum di confronto e approfondimenti tematici su prevenzione e malattie neurodegenerative.

Per ogni ulteriore informazione visita: SelfHelpCampania

23 Apr, 15

 

articoli relazionati

 

 

ultimi commenti

Ci sono 0 commenti. su "Self Help Campania: un aiuto per chi aiuta"

 

pubblica un commento

Chiama Ora
Portami Qui